RECA GROUP LABELS HANGTAGS PACKAGING

reserved area

Reca Group

A detail here, an accessory there; are the little touches that make all the difference. This is Reca Group’s philosophy in its search for the unique, the personal and the exclusive. Labels, hangtags, and packaging; whether simple or elaborate, they are defining a brand.

Il dettaglio, l’accessorio, quel particolare che fa la differenza. Da qui parte Reca Group, dalla ricerca di ciò che è unico, personale, esclusivo. Etichette, cartellini, fino ad arrivare al packaging del prodotto: elaborati o essenziali, comunque simboli di appartenenza e di identificazione di un brand.

facebook vimeo pinterest instagram tumblr

 

contact

Copyright © 2017 RECA GROUP
VAT/P.IVA IT02585880368

  • Architecture
  • Art
  • Calendar
  • Cinema
  • Design
  • Food
  • music
  • Reca Group
  • Travel

Reca Group,
WHO MENTIONED UGLY PLASTIC BAGS?

Reca Group offers infinite possibilities for embellishing polymeric packaging

RECA GROUP

The most frequently used material for plastic packaging is undoubtedly polyvinylchloride (PVC): a polymeric substance which, mixed with totally non-toxic additives, forms a flexible film suitable for creating practical and economical packaging… which by no means condemns it to being ugly or banal. Because Reca Group knows many a secret about how to make certain plastic bags extremely original and aesthetically striking, some of which it has confessed in public… The first secret lies in the choice of thickness and color: the plastic may be produced in a vast range of thicknesses and colors, and can be transparent, semi-transparent or opaque. The bag’s shape options are also countless, thanks to the use of thermal bonding, which can irreversibly weld together different parts of the plastic, not only to determine the bag’s silhouette but also to create three-dimensional flaps and small cushions… which can be filled with air or even liquid. Once these options have been decided, the time comes for depriving the bag of its anonymity and stamping it with the desired logo, which can be printed using various different techniques, all capable of achieving every possible color in the rainbow through the use of the four-color process. Among the possible printing techniques, serigraphy allows color to be transferred by a press-action directly onto the surface of the bag, while UV lithography is slightly more complicated (needing two passages, from the press to a rubber film, and from this to the final surface). Thanks to the astonishing versatility of the plastic film, it is also possible to carry out foil printing, which involves printing the logo through the use of a hot mold, indispensable when a metallic logo is requested. Once the kind of printing process has been chosen, there are still lots of detailing options for personalization. The numerous closure systems, for example, make a big identity contribution: Reca Group offers button closures, pullers, nylon zips (in both ziplock and minigrip), pressure studs, rivets, chains, Velcro, magnets or metal card inserts, just to mention a few. An infinite range of customizable solutions, starting out from just a simple film made of an eco-sustainable polymeric material, both recycled and recyclable… so, are you still sure that one ugly plastic bag is just like any other?

 

Il materiale più utilizzato per la creazione di imballaggi plastici è indubbiamente il polivinilcloridato: una sostanza polimerica che, miscelata ad additivi del tutto atossici, consente la formulazione di una pellicola flessibile adatta alla creazione di packaging pratici ed economici, ma non per questo necessariamente banali. Reca Group conosce infatti i segreti per rendere uniche e preziose le buste di materiale plastico e ce ne ha confessati alcuni… Il primo risiede nella scelta accurata di spessore e colorazione: esso può infatti essere prodotto in una vastissima gamma di spessori ed acquisire qualsiasi colorazione, dal trasparente all’opaco passando per la variante semitrasparente. Per dar forma al prodotto si può poi giocare con la termosaldatura: l’operazione di termosaldatura, che consente di congiungere irreversibilmente tra loro i margini della pellicola, non solo determina la silhouette del prodotto finale, ma permette la creazione di una trama tridimensionale a cuscinetti, che possono essere riempiti d’aria… o persino di liquido. Compiute queste scelte, è tempo di sottrarre la busta al suo anonimato battezzandola con il proprio logo, che può essere impresso sulla superficie secondo diverse tipologie di stampa, tutte in grado di restituire l’intera gamma cromatica del visibile grazie all’impiego della quadricromia. Tra queste tecniche, la serigrafia consente il trasferimento dell’inchiostro sotto l’azione di una pressa direttamente sulla superficie della busta, mentre un processo leggermente più complesso è quello ottenuto tramite la lito UV (che prevede un doppio passaggio, dalla piastra alla pellicola di gomma e da questa alla superficie finale). Inoltre, l’estrema versatilità della pellicola permette di operare sulla sua superficie una stampa a foil, vale a dire imprimere il logo con l’ausilio di uno stampo a caldo, processo indispensabile per chi desideri avvalersi di loghi metallici. Individuata la giusta tipologia di stampa, è infine possibile sbizzarrirsi nella scelta dei dettagli! Le possibili metodologie di chiusura, ad esempio, sono numerose ed esteticamente caratterizzanti: Reca Group propone chiusure ad occhiello, con puller o cerniera di nylon (nelle tipologie ziplock e minigrip), con bottone a pressione, rivetto, catenella, velcro, calamita o cartellino metallico, solo per citarne alcune. Un’infinita gamma di soluzioni personalizzate a partire da una semplice pellicola ottenuta dall’impiego di un materiale polimerico ecosostenibile, in quanto riciclato e riciclabile: allora, siete ancora convinti che una busta di plastica valga l’altra?

_MG_0021_

_MG_0174

_MG_0176

_MG_0052

_MG_0121_

_MG_0100

_MG_0121

_MG_0158

_MG_0144

_MG_0362

_MG_0152

_MG_0025

10 novembre 2014

close